Blog: http://danielesorelli.ilcannocchiale.it

UBI TU GAIUS EGO GAIA

Da troppo tempo, oramai, non pubblicavo un post.
Non è stato disinteresse miei cari lettori e naviganti (che siete il mio orgoglio e la mia soddisfazione), ma solo mancanza di tempo.

In questo periodo sono successe troppe cose. La politica sembra impazzita e chi sta dietro queste vincende non può non essere contaminato da tanta follia.
Il PD che corre da solo, Cuffaro condannato e dimesso, la provincia di catania,il comune di catania..persino le circoscrizioni di quartiere si dovranno votare.

Io credo che l'esercizio della democrazia attraverso il voto sia sempre un bene.  Perchè quantomeno in quei due-tre giorni si sviluppa un minimo di consapevolezza in più.  Quella che  invece manca nei 360 giorni l'anno..gli elettori , e in particolare i miei concittadini e conterranei,  non continuano il loro esercizio democratico dopo il voto.
Il controllo su quanto fanno o meno e come, i loro eletti non gli interessa. In parte giustamente, in parte no.

Una provincia e una città metropolitana, saranno chiamate ad esprimersi per il rinnovamente di 4 organi istituzionali : Parlamente, Regione, Provincia e Comune.
Sembra di leggere l'art. 113 della Costituzione.

Lo Stato quindi si fonda sui cittadini, che spesso non riescono a capire che quella mala politica che mette in ginocchio questa terra dipende da loro stessi.

Vorrei che questa terra si risollevasse. Senza armi, senza autonomismi, senza clientele e senza rivoluzioni.
Ma che dal lavoro, dai sacrifici e dal sudore nascesse una Catania nuova. Almeno consapevole di ciò che è : un posto bellissimo.


Daniele Sorelli

Pubblicato il 18/2/2008 alle 14.22 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web